26 Settembre 2017
news
percorso: Home > news > News Generiche

Carpi....un anno dopo

13-10-2013 13:12 - News Generiche
La carta d´identità che GIGI ha mostrato ai Vigili Urbani che volevano multarlo per eccesso di velocità
Proprio lunedì mattina mentre nuotavo sotto le stelle al buio mi veniva in mente la maratona di Carpi...effettivamente mi viene in mente molto spesso perchè su una parete di casa mia campeggia un bel patchwork con tutte le foto più significative delle mie gare e una delle più belle è proprio quella dell´arrivo in Piazza Martiri a Carpi. Era il 2008 e tagliammo il traguardo in tre e al traguardo ci aspettava un signore con i capelli e il pizzetto bianchi bianchi che, commosso come al primo giorno di scuola del figlio, ci abbracciò tutti e ci trasmise tutta la sua emozione e la sua passione. Passati 4 anni, 2012, toccò a Giggillai cimentarsi nella Maratona d´Italia che proprio quell´anno cambiava percorso. E il risultato fu eccezionale: 3° posto nel campionato nazionale di categoria e un record personale difficile da battere, 2:43:32. Pazzesco e anche questa volta al traguardo lo aspettava lo stesso signore con i capelli e il pizzetto bianchi bianchi che, commosso come al primo giorno di scuola del figlio e come alla maratona del 2008, lo abbracciò e gli trasmise tutta la sua emozione e la sua passione.
Ed eccoci ai giorni nostri....una settimana dopo aver celebrato le gesta di Giuseppe Palmas e Giorgio Gatti alla maratona di Verona, ecco che torna la Maratona d´Italia sullo storico percorso da Maranello a Carpi, passando per Soliera e Modena (con lo spettacolare passaggio all´interno dell´accademia militare). Un percorso notoriamente adatto per ottime prestazioni, con strade larghe e quasi totale assenza di salite.
Partenza dalla galleria Ferrari a Maranello, emblema della velocità a livello mondiale, e via dritti in direzione Carpi. La gara è molto bella e il passaggio all´interno dei paesini è sempre emozionante: c´è tanta gente che fa il tifo per te e in qualche caso la musica che ti accompagna o la banda del paese che ti accoglie all´ingresso. Siamo nella terra dei grandi maratoneti: lo storico Dorando Pietri era proprio di Carpi, Stefano Baldini è nato a pochi km da Carpi. La gente da queste parti sa cos´è la maratona, vive di atletica e si appassiona per quei ragazzi in canotta e pantaloncini che sudano e compiono sempre grandi imprese.
E solitamente quando si fa questo calcolo, grande impresa moltiplicato per Atletica Pula il risultato è sempre lo stesso, una garanzia: GIGGILLAI ARRODUGO´.
Passata l´estate tra lavoro, pista, strada, un po´ di mare e affetti personali, Gigi vola in direzione Bologna dove lo aspetta sempre quel signore con i capelli e il pizzetto bianchi bianchi che, commosso come al primo giorno di scuola del figlio e come alla maratona del 2008, lo abbracciò nel 2012 e gli trasmise tutta la sua emozione e la sua passione. Ormai il loro è un binomio vincente su tutti i campi: Mario e Luigi, come i fratelli idraulici del videogame Supermario Bros, hanno trovato la chimica giusta per creare solo grandi prestazioni.
Sappiamo tutti che per una grande prestazione ci sono da mettere insieme una serie di fattori fondamentali: allenamenti specifici, allenamenti di scarico, riposi, la giusta concentrazione in gara e, soprattutto, una ceretta a regola d´arte.
Ricevute tutte le raccomandazioni da Mario, Gigi si schiera sulla partenza ma non si posiziona troppo bene, ma ben presto riuscirà a trovare il suo giusto spazio. La temperatura in partenza è addirittura di 8 gradi e Gigi decide di partire con dei guanti da ginecologo per scaldarsi un po´. Il passaggio alla mezza maratona è eccellente: 1:20:52 e 12^ posizione, proiezione da 2 ore e 42 minuti. Proiezione....significa che idealmente, mantenendo lo stesso passo, cosa difficilina su 42 km di gara, dovrebbe arrivare al traguardo in 2:42:00 circa.
Sulla Piazza dei Martiri ad attendere Giggillai, oltre Mario, c´è anche il nostro emigrato Gianluca Stara pronto a esultare all´arrivo di Gigi come per un gol di Sau al Sant´Elia.
È da poco passato mezzogiorno, Gianluca ha un leggero languorino e tira fuori dallo zaino un chilo di pane guttiau e due Ichnusa da 33....Mario non riesce a mangiare, però la birra va giù che è una bellezza....alle 12:12 circa, in lontananza si intravede un ragazzo abbronzato, non altissimo, capelli rasati, ceretta a regola d´arte...è un fascio di muscoli pronto a esplodere....è lui, è GIGGILLAI....Mario lascia l´ichnusa, Gianluca manda giù l´ultimo pezzetto di pane guttiau e con gli occhi fuori dalle orbite e il cuore che esplode nel petto, incitano Gigi sul rettilineo finale....una scena favolosa (da me già vista e vissuta nel 2008)...tempo finale: 2:42:00 e nono posto assoluto sul traguardo dove lo aspetta sempre quel signore con i capelli e il pizzetto bianchi bianchi che, commosso come al primo giorno di scuola del figlio e come alla maratona del 2008 e del 2012, lo abbraccia e gli trasmette tutta la sua emozione e la sua passione.
È stata la realizzazione precisa di un progetto sportivo e umano portato avanti tutti i giorni da Gigi e Mario e sublimato meravigliosamente nell´ennesima perfetta prestazione.
Una cosa mai vista prima, un miglioramento di un minuto e mezzo (che a questi livelli è un´infinità) e un miglioramento pazzesco rispetto al 25° posto dello scorso anno.
Penso di non avere altre parole per descrivere una di quelle imprese sportive capaci di trasmettere anche al più sedentario la voglia di mettersi in movimento e raggiungere il suo piccolo traguardo....una di quelle imprese che ti fanno pensare che sia sportivamente possibile, con il giusto sacrificio, raggiungere traguardi impensabili....una di quelle imprese che "minchia, l´hai visto Giggillai alla maratona di Carpi??? Nono è arrivato....arrodugò".

Allego: il video integrale della sintesi Rai dove Gigi si può vedere al minuto 13:23 e 27:30, la classifica ufficiale e una canzone che mi sembra ci possa star bene.



digita i codici di sicurezza, se più di uno separati da uno spazio



[Realizzazione siti web www.sitoper.it]