26 Settembre 2017
news
percorso: Home > news > News Generiche

Wedding with snails (nozze con le lumache)

24-04-2013 17:24 - News Generiche
Abbiamo imparato fin da bambini che per riuscire a far bene una cosa, ci vuole tanta applicazione, impegno, allenamento e sacrificio, altrimenti si corre il rischio di voler fare "nozze con le lumache". Però, ma non provate a farlo perchè non è un esempio da seguire, ogni tanto si riesce a combinare qualcosa di ottimo anche senza essersi rotti la schiena.
Domenica infatti si è svolta la 4^ edizione della Maratona della Solidarietà, più volgarmente detta Maratona di Cagliari. Il percorso annunciato non faceva pensare a grandi prestazioni cronometriche, soprattutto per la tortuosità della prima parte e per la difficile gestione del vento sul lungomare del Poetto.
In realtà la prima parte del percorso si è rivelata più veloce del previsto, molto bella dal punto di vista estetico (strade completamente sgombre dalle auto, ma anche dal pubblico) con i km che passavano rapidi nell´attraversare i grossi viali o le strade strette della Marina, il Parco della Musica e, per chi ha fatto la maratona, lo sterrato in direzione Quartu e ovviamente il lungomare.
Erano in programma, oltre alla maratona, anche una mezza maratona, una prova non competitiva da 6 km e le gare per i bambini. Sulla linea di partenza in Viale Diaz ci si presenta lo spettacolo di circa 2000 schierate e in attesa del colpo di pistola che, nell´occasione, è stato dato da un assonnatissimo Massimo Zedda, sindaco di Cagliari.
Come già detto il percorso è molto fluido e scivola via molto veloce. Per la mezza maratona sono previsti due giri simili ma non uguali. Stravince la prova maschile il keniano Rono che chiude la sua prova in 1:04:50 davanti al marocchino di Olbia Oualid Abdelkader che arriva ben 6 minuti dopo il vincitore. Lo tallona da vicino Michele Merenda che sfiora il secondo gradino del podio. Anche in campo femminile domina il Kenia, con la Chebet che chiude 12^ assoluta in 1:17:06, davanti alla onnipresente Claudia Pinna, che respira un po´ dopo la maratona di Milano e chiude con un "tranquillo" 1:20:25. A chiudere il podio l´amsicorina Manuela Manca - 1:22:13.
Per l´Atletica Pula erano presenti 10 valorosi atleti.
Prima le signore...l´unica nostra esponente femminile è stata la coraggiosissima Rita, che alla sua seconda esperienza sulla distanza scende sotto le due ore e 30 e dimostra una volontà ammirabile. Bravaaaaa.
In campo maschile il migliore è Gianluca, sponsorizzato da Ryanair, che sfiora il suo personale e chiude con un incoraggiante 1:29:04.
Migliora ancora il suo personale, tirando giù quasi 3 minuti, un raggiante Renzo. E´ bello vedere un anziano corridore che con orgoglio ti fa vedere il cronometro per raccontarti il suo nuovo record.
Corre senza il cronometro, fidandosi delle sue sensazioni Simone che arriva a 30 secondi da Renzo e a pochi secondi dal suo record.
Record migliorato per Mr Coki che arriva in 1:44:08, per la gioia della famiglia sempre al seguito.
Si allenano insieme, sono alti uguali e corrono praticamente a braccetto Lorenzo ed Ettore. Nuovo record per Ettore - 1:45:10 - mentre per Lorenzo la condizione comincia a migliorare.
Grande miglioramento per Alfredo che arriva dopo 1:47:25 e comincia fare nuovi progetti.
Fiaccato da qualche problema fisico Giovanni chiude la sua fatica a soli 40 secondi dal suo record, a dimostrazione della velocità del percorso.
Miglioramento netto anche per il Dottor Scioni, che arriva in 1:48:51 e lancia la sfida per Chia.
Segnalo anche l´eccellente ennesima prova di Federica nella prova non competitiva: prima tra le donne e domenica corre per la competitiva da 10 km. Forza Fede.
Per chi invece ha scelto l´opzione maratona, alla fine dei due giri, era prevista una gita in direzione Quartu, lambendo il parco di Molentargius, lo stadio di Is Arenas e giù fino alla Bussola. Poi tuuuuutto il lungomare Poetto (a fare lo slalom tra ignari casteddai in passeggiata), viale Poetto e finalmente l´arrivo sulla pista blu dello stadio dell´atletica.
Vittoria netta, con record della gara per il marocchino El Barouki - 2:16:47 -, davanti al connazionale Jamali - 2:26:32. Eccellente terzo posto per il "sardo" Marco Leoni, che chiude in 2:44:36 a un mese di distanza dalla Maratona di Ferrara.
Tra le donne sontuosa prestazione della fortissima (l´ho vista andare come un treno) Roberta Ferru, che mette in riga una imprudente Vrajic, partita troppo forte, e fa sua la maratona con un fantastico 2:49:16. Non andate a leggere l´anno di nascita di Roberta....non ci credereste.
Al terzo posto Giuseppina Cauli che chiude con un ottimo 3:10:56.
I quattro moschettieri pulesi vedevano allo start due esordienti.
Il pazzo Angelo, che arriva per scommessa e con un filo di voce, alla fine delle sue 4 ore e 28 minuti di fatica eroica, cerca di raccontarmi di avercela fatta. Ha la medaglia, ha tagliato il traguardo...è un maratoneta.
Gianni Murgia, si cimenta per la prima volta sulla mitica distanza e con una preparazione di soli 2 mesi taglia per la prima volta il traguardo della maratona con un incoraggiante 3:36:06, pagando una crisi sulla parte finale di gara, dovuta anche al forte vento contrario che ha soffiato lungo tutto il lungomare.
Tommy parte per la sua quarta maratona, mette la marcia giusta e non molla mai il ritmo che si è imposto. Come parte arriva, con una condotta di gara esemplare e un arrivo commovente: la sua bimba gli va incontro sulla pista e lui, raccolte le ultime energie, la prende tra le sue braccia e la medaglia è per entrambi. Per lui nuovo record in 3:24:28, premio come secondo di categoria (in realtà quinto ma tre degli m35 sono rientrati nella premiazione in denaro).
E veniamo alle "nozze con le lumache"....l´ultimo da citare del nostro gruppo sono io. Preparazione deficitaria, fino alla metà di marzo correvo solo la domenica, mio figlio ha cominciato a dormire alla fine di febbraio e allenamenti sempre alle 6 del mattino. Il flop era dietro l´angolo, ma la tentazione di fare le nozze con le lumache era veramente forte. Da ragazzino, a scuola era esattamente quello che facevo, e due volte su tre mi andava pure bene.
Riesco a prendere una buona partenza e un buon ritmo. Faccio tutta la prima metà di gara con Cinzia Meloni (lei farà il suo record personale) e passo alla mezza maratona un po´ troppo veloce rispetto alle mie previsioni, ma so che nella seconda parte ci sarà da soffrire. Soffrire di fatica, vento e solitudine. Pian pianino riprendo alcuni atleti che erano partiti troppo forte e una volta imboccato il lungomare Poetto mi rendo conto che l´impresa è a portata di mano. Cedo, comprensibilmente, il ritmo cala ma riesco comunque a stare su un buon passo. Di fronte alla caserma Monfenera, un addetto al ristoro mi dice che sono settimo...ovviamente non ci credo. Nei pressi dell´arrivo l´ultima difficoltà è la rampa del ponte pedonale dello stadio Sant´Elia e poi entro in pista. La tribuna è piena, il cronometro mi è amico, faccio l´ultima curva con le braccia al cielo, il tifo è incredibile e a 30 metri dal traguardo mi aspettano i miei tifosi preferiti: Maura mi passa Enrico, il cronometro ci consente un po´ di show, corro gli ultimi metri con il mio piccoletto e il traguardo lo taglia facendo due passetti. Medaglia per entrambi, prima maratona da papà e tempo finale di 2:57:55, 7° posto assoluto tra gli uomini, 2° di categoria. E con orgoglio, a distanza di tanti anni dalle scuole superiori, posso affermare di essere riuscito ancora una volta a far "nozze con le lumache". Ma sconsiglio vivamente a chiunque di fare come me, l´allenamento e l´impegno pagano sempre, io c´ho messo un po´ di esperienza e tanta motivazione per sopperire la mancanza di preparazione. E in attesa di ritornare a fare le cose seriamente, domenica tutti a Chia a divertirci.
RENZO 25-04-2013
ANZIANO
Grazie Samuel .....per avermi definito “anziano” ma come tutti sappiamo “Gallina vecchia fa buon brodo”.... per quanto riguarda i miglioramenti delle mie prestazioni voglio fare un pubblico ringraziamento a Paolo (The President) con il quale mi alleno da circa 4 mesi, per la sua pazienza, i suoi consigli i suoi incoraggiamenti, la rinuncia ai suoi soliti ritmi di corsa....spero di poterlo ripagare con una grande prestazione.....magari battendo il suo personal best!!!!
ahahhahah......lunga vita alla ASD ATLETICA PULA....



digita i codici di sicurezza, se più di uno separati da uno spazio


Documenti allegati
Dimensione: 57,62 KB

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]